Storicamente, la conta dei reticolociti nel cane è stata presa in considerazione solo nei pazienti in cui si sospettava l’anemia, poiché aiutano a classificare l’anemia come rigenerativa o non rigenerativa.

Tuttavia, dati recenti suggeriscono che i benefici dell’esecuzione dei reticolociti nel cane sono molto più ampi perché possono fornire informazioni avanzate e di fondamentale importanza sulla salute di tutti i pazienti, indipendentemente dalla presenza di anemia.

I reticolociti nel cane fungono da sistema di allarme rapido

I globuli rossi circolano nel corpo tra 80 e 120 giorni, a seconda della specie e della salute clinica dell’animale. Poiché gli indici RBC riflettono lo stato del midollo osseo al momento della produzione, le informazioni acquisite tradizionalmente possono suggerire un quadro clinico che è significativamente diverso dalle condizioni attuali dell’animale poiché gli RBC potrebbero essere stati prodotti diversi mesi prima.

I reticolociti appena rilasciati, invece, circolano per soli 2-4 giorni. Ciò li rende eccellenti indicatori precoci per condizioni come perdita di sangue o infiammazione prima dello sviluppo di anemia.

La reticolocitosi senza anemia può essere un indicatore chiave che il midollo osseo risponde alla necessità di aumentare la produzione di globuli rossi.

Le cause includono perdita ematica compensata o emolisi e ipossia.

La determinazione della causa sottostante richiederà ulteriori indagini, ma la diagnosi precoce offre le migliori possibilità di trattamento precoce e risultati migliori per i pazienti.

Un basso valore può essere un segno di malattia grave?

Le cause più comuni di basso RETICOLOCITI-HGB sono perdita di sangue e malattie infiammatorie, che portano entrambe a una riduzione della disponibilità di ferro per la produzione di globuli rossi.

Cosa potrebbero mancare agli emocromi privi dei parametri dei reticolociti?

Un recente studio su 1 milione di emocromi canini rilevato che quasi 1 su 5 pazienti non anemici presentava cambiamenti nei parametri dei reticolociti:

  • Il sei percento non presentava anemia, ma un elevato numero di reticolociti.
  • Il dodici percento non presentava anemia o reticolocitosi, ma aveva una bassa concentrazione di RETICOLOCITI-HGB.

Questa ricerca indica che i parametri dei reticolociti nel cane devono essere valutati con ogni emocromi: non aspettare che si sviluppi l’anemia.

Per determinare l’adeguatezza della risposta rigenerativa in cani e gatti, è possibile calcolare la conta assoluta dei reticolociti. Per determinare l’adeguatezza di una risposta rigenerativa. La percentuale di reticolociti da solo non è utile in quanto non tiene conto della gravità dell’anemia. Per calcolare una conta assoluta dei reticolociti, utilizziamo la seguente formula:

Conta dei reticolociti assoluti (unità/µL) =% dei reticolociti (#/100) x conta dei globuli rossi (mill/µL) x 1000

o (ancora più facile)

Conta assoluta dei reticolociti (unità/µL) = reticolociti% x conta dei globuli rossi (mill/µL) x 10

Linee guida di interpretazione reticolocitaria

Di seguito sono riportate le linee guida per la valutazione del grado di rigenerazione in cani e gatti anemici, insieme ad esempi di utilizzo dei risultati. I gatti hanno due diversi tipi di reticolociti, aggregati e punteggiati. Solo i reticolociti aggregati sono inclusi in un conteggio dei reticolociti (in quanto sono i più immaturi e più riflettenti della produzione attuale di midollo osseo).

Grado di rigenerazione Reticolociti canini
(unità/µL)
Reticolociti aggregati felini (unità/µL)
Rigenerazione inadeguata o assente <95 <60
Blando 95-150 60-100
Moderare 150-300 100-200
Segnato > 300 > 200

Ad esempio, un cane con un ematocrito (HCT) del 15% e una conta dei globuli rossi di 1,5 mill/µL ha una conta dei reticolociti del 3%, che è superiore al nostro intervallo di riferimento dello 0-1,5%. Basandoti sulla sola percentuale di reticolociti, si potrebbe supporre che l’anemia grave sia rigenerativa, tuttavia la conta assoluta dei reticolociti è di 45 unità/µL (3/100 x 1,5 x 1000), che indica una rigenerazione inadeguata o assente in base alla tabella sopra.

Questo indica che il midollo osseo non risponde in modo adeguato alla grave anemia e che una ridotta produzione di eritrociti contribuisca all’anemia (ovvero che l’anemia sia multifattoriale) o è la causa principale dell’anemia grave. Al contrario, un altro cane con lo stesso valore di HCT del 15% ha una conta dei reticolociti dell’8%, che è al di sopra del nostro intervallo di riferimento. La conta assoluta dei reticolociti è di 120 mila/µL (8/100 x 1,5 x 1000), questo indica una lieve risposta rigenerativa.

Percentuale di reticolociti nel cane e determinazione manuale con colorante

Considerando anche il grado di anemia il calcolato è:

Percentuale di reticolociti corretta = reticolociti% x (ematocrito del paziente o volume cellulare impacchettato ÷ ematocrito normale o volume cellulare impaccato)

Linee guida per l’interpretazione:

  • Cane: un’anemia è considerata rigenerativa se la percentuale di reticolociti corretta è> 1%
  • Gatto: un’anemia è considerata rigenerativa se la percentuale di reticolociti corretta è> 0,4% nel gatto.
reticolociti nel cane microscopio

Colorazione dei reticolociti con Reticolo

Questo presuppone che l’ematocrito normale o il volume di cellule impacchettate sia del 45% per un cane e del 35% per un gatto e non tenga conto del tempo di maturazione dei reticolociti. Se il volume dell’ematocrito del singolo cane o gatto/cellula, noto da un precedente emogramma, questa tecnica può essere usata per valutare la rigenerazione. Può essere facilmente eseguito nella maggior parte delle pratiche private (è necessaria solo una centrifuga a microematocrito per misurare il volume cellulare impacchettato e la valutazione di un nuovo striscio colorato con reticolor per ottenere la percentuale di reticolociti) rispetto al conteggio dei reticolociti assoluti (che richiede un conteggio accurato dei globuli rossi da un analizzatore automatico).

Indice di produzione di reticolociti nel cane

L’indice di produzione considera il grado di anemia e per quanto tempo i reticolociti persistono nella circolazione. Considera inoltre il tempo di rilascio di più reticolociti immaturi in gravi anemie. Viene calcolato utilizzando la seguente formula:

Indice di produzione di reticolociti = percentuale corretta di reticolociti ÷ durata dei reticolociti

La durata (o il fattore di correzione) dei reticolociti è mostrata nella tabella seguente.

ematocrito Durata dei reticolociti
45 1.0
35 1.5
25 2.0
15 2.5

Interpretazione dei risultati: valori superiori a 1,0 indicano un aumento della produzione in risposta all’anemia.